Tra le professioni digitali emergenti c’è anche lo UX designer. Le competenze in questo settore sono, secondo LinkedIn, nella top 5 delle hard skill più richieste per il 2021.

Locuzione nata in ambito informatico, è in realtà oggi applicata in tanti settori, poiché il design della UX interessa certamente siti web, applicazioni web e mobile, videogiochi, ma anche prodotti fisici come uno smartphone o un dispositivo medico, per arrivare ai servizi. Perché questa figura è diventata così importante?

Chi è lo UX Designer?

Gli esperti di UX sono Product Manager, sviluppatori e designer di ogni sistema interattivo che dispone di una interfaccia utente. Parliamo dunque di software, come ad esempio i software di project management, piuttosto che applicazioni, siti web e dispositivi hardware, dai prodotti consumer per l’intrattenimento fino ai dispositivi medici.

Nel mondo degli esperti UX gira questa battuta: ‘la UX è come una barzelletta, se la devi spiegare non è un granché’.

Il lavoro che svolgono i professionisti della UX è spesso non evidente agli occhi dei non esperti, ma è di fatto ciò che distingue un prodotto che gli utenti usano da quello che non usano; un prodotto che gli utenti amano da uno che non entra nelle loro corde; un prodotto che permette all’utente di fare facilmente ciò per cui è stato pensato.

Fare facilmente ciò per cui è stato pensato e rendere l’esperienzachi è lo ux designer dell’utente piacevole, coinvolgente, e pertanto utile, efficace e ripetibile. Questo significa in sostanza ‘soddisfare il cliente e fidelizzarlo’ ed è pertanto un aspetto fondamentale per le aziende, un aspetto del business.

Per fare esempi concreti: un sito di ecommerce è pensato per vendere, quindi tutta la sua interfaccia utente (la UX) deve essere finalizzata a essere coinvolgente e piacevole per il cliente e condurre all’acquisto; vi sono siti di ecommerce che a prima vista sembrano stupendi da un punto di vista grafico, ma ‘non convertono’ si dice in gergo, cioè il tasso di navigatori che si trasforma in compratori è basso. A questo tipo di siti serve urgentemente un professionista UX!

Cosa fa lo UX Designer: mansioni e skills

Il ruolo di un designer UX è direttamente coinvolto nel processo di creazione (o di miglioramento) di un prodotto, lavora a stretto contatto con lo staff tecnico, ma anche con lo staff business. E’ un ruolo che combina attività in solitaria e attività in team.

LIVE DAL 6 MAGGIO
Telco first: la ricetta per la banda ultralarga. Scopri tutti gli appuntamenti di Telco per l'Italia
Blockchain
CRM

Lavora su progetti, per obiettivi, con un determinato timing, cioè deve rispettare scadenze, ma non ha regole vere e proprie su mansioni che quotidianamente deve svolgere: deve semplicemente portare avanti il suo lavoro. Il che include riunioni e diverse attività specifiche:

  • ricerche – è il punto di partenza del design della user experience, un processo data-driven, che serve per capire i clienti potenziali e lo scenario competitivo; su ciò si basa la rappresentazione del cliente tipo (personas) e del suo contesto di utilizzo;
  •  il design delle informazioni e del prodotto, la prototipazione
  •  il test di usabilità, in base al quale il processo può ricominciare da capo…

Stipendio UX designer, ecco quanto guadagna in Italia

Lo stipendo dello UX designer può variare molto a seconda dell’azienda dove lavora, dalle competenze che ha , quanti tools sa usare e sopratutto come li sa usare.

Detto questo possiamo affermare che uno UX designer ha uno stipendio annuo medio che va dai 29.000€ ai 58.000€ per una fiugra senior, una figura junior invece può arrivare a guadagnare 23.000€.

Questi stipendi sono presi da una ricerca fatta da Crebs su più di 3.000 professionisti.

Perché la user experience è importante per il business e per le aziende

Il mondo digitale è pervasivo, complesso, iper competitivo. Basta fare un test su se stessi per comprendere l’importanza della UX: quante app per smartphone ci sono per ogni possibile ‘bisogno’? Ad esempio, app di training per cominciare a correre. Sono tante, quale scegliere? Ci si può affidare alla popolarità, alle recensioni, si comincerà a provarne una, se non ci piace se ne prova un’altra, e via dicendo. Alla fine ne rimarrà una, la nostra preferita, che è quella che ha la UX perfetta per noi. Ti chiedi ancora perché è importante per un’azienda la UX?UX designer in azienda

Eppure ancora tante aziende trascurano questo aspetto, non ne hanno capito l’importanza; e anche professionisti del settore (agenzie web o freelance) che si occupano di siti web o applicazioni e a cui le aziende in genere si rivolgono, non aggiornano le loro competenze in questa chiave.

Gli esperti di UX hanno un grande futuro e sono ancora pochi, inoltre ‘sul mercato c’è un numero ancora insufficiente di professionisti competenti di usabilità e UX che si sono formati secondo gli standard internazionali.

In secondo luogo questi esperti vengono consultati troppo tardi o mai durante la progettazione e lo sviluppo del prodotto’ dice Rolf Molich in questa intervista, tra i più noti esperti europei di User Experience e Vice President di UXQB – International Usability and User Experience Qualification Board – l’associazione che fornisce una certificazione riconosciuta a livello internazionale.

User experience e customer experience, differenze

La User Experience non deve essere confusa con la Customer Experience, sebbene si tratti di concetti vicini e in parte coincidenti : la customer experience abbraccia un insieme di componenti che determinano l’esperienza, la relazione di una persona con un determinato brand o azienda.

Esempio concreto: nella relazione con l’ente Università la nostra customer experience comprenderà tutto l’insieme di servizi, attività, online e offline, dalla segreteria alla mensa, dall’organizzazione del calendario delle lezioni al sito dell’ateneo. La user experience, in questo esempio, entra certamente in gioco nel sito dell’ateneo, ma non solo: potrebbe riguardare per esempio anche il layout e l’usabilità di determinati spazi universitari.

Letture consigliate

Donald Norman – The Design of Everyday Things

Steve Krug’s – Don’t make me think (anche in italiano)

Stefano Triberti, Eleonora Brivio – User experience. Psicologia degli oggetti, degli utenti e dei contesti d’uso

David C. Evans – Bottlenecks: Aligning UX Design with User Psychology

Simone Giomi – #UX Designer. Progettare l’esperienza digitale tra marketing, brand experience e design

 

Chiudiamo con un video ironico sulla figura del UX designer.

candidati entro il 20/5
Tornano i Digital360 Awards! Partecipa al contest: oltre 160 CIO valuteranno il tuo progetto