La circular economy dovrebbe creare in Europa fino a 2,8 milioni di posti di lavoro, 500 mila solo in Italia. Accenture l’ha definita come la più grande rivoluzione (e opportunità) nell’organizzazione dei processi produttivi e dei consumi dei prossimi 250 anni. Richiede un passaggio organizzativo e culturale non indifferente, ma i vantaggi a cui può condurre sono davvero notevoli, sia in termini di ambiente naturale, che di ambiente economico.