Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Get inspired

5 Aprile 2019

Generazione Z in Italia, cosa pensa di lavoro e futuro, ti riconosci?

Sono piuttosto felici, credono nella famiglia, sono parsimoniosi e sognano un lavoro stabile: la Generazione Z, quella che va dai 14 ai 24 anni (è stata definita come la prima a non aver memoria diretta del Novecento), riserva sorprese. Sotto molti punti di vista: sfera sociale, consumi, rapporto con i device e i social network, nonché mondo del lavoro. I più vecchi di questa generazione (che in totale rappresenta 11% della popolazione italiana), si stanno affacciando al lavoro o stanno terminando gli studi. Cosa sognano? Come affrontano la vita?

Continue Reading

15 Marzo 2019

Creatività: significato, perchè è una competenza, a cosa serve nel lavoro

La creatività è spesso associata al talento artistico, ai geni dell’arte, della musica, della matematica. Difficilmente si pensa a un informatico, a un elettricista, a un manager, come a un creativo; quanti di noi osano definirsi ‘creativi’? C’è titubanza a farlo, perché è difficile definire la creatività ed è pertanto difficile attribuirci una qualità, un talento (o capacità, come vedremo) che non sappiamo distinguere e perimetrare con precisione. Da ciò derivano diverse perplessità: per esempio, la creatività può essere appresa? Sarebbe utile in un mondo che si trasforma e che guarda alla creatività come la competenza più importante anche nel futuro del lavoro. Vediamo quindi in che altro modo possiamo intendere la creatività.

Continue Reading

9 Marzo 2019

Dalle Piramidi all’Intelligenza artificiale, questo è lo specchio della nostra società

Come artefatto dell’età moderna, l’intelligenza artificiale è lo specchio dell’odierna società e ne riflette difetti e ingiustizie. C’è un modo per innescare un circolo virtuoso che porti a una ‘responsible AI’ attraverso un miglioramento della società? E’ questa la prospettiva proposta dallo studente Davide Giacomini, finalista nella categoria ‘Human and Machine Interaction’ della nostra Disruptor Challenge, il contest realizzato U2B nei mesi scorsi. La sua ‘future vision’ ha colpito per la prospettiva out-of-the-box che propone, una prospettiva che porta a riflettere sulla vera radice dei problemi che lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale porta oggi con sè: che tipo di società (e di persone) vogliamo essere. Di seguito, le riflessioni di Davide Giacomini.

Continue Reading

28 Febbraio 2019

Milano Digital Week, ecco l’evento che uno studente non deve perdere

Dal 13 al 17 marzo si terrà nel capoluogo lombardo la Milano Digital Week, dedicato quest’anno all’ Intelligenza Urbana, cioè a tutte le tecnologie, applicazioni, servizi digitali che trasformano e migliorano la città, il lavoro, la vita pubblica e privata dei cittadini e, in generale, le relazioni umane. Sono tanti gli eventi di grande interesse, ma fra tutti ne abbiamo selezionato uno che è in realtà un preludio degli appuntamenti della settimana perché si svolgerà il giorno 12 marzo. Per chi è in zona, ecco di cosa si tratta.

Continue Reading

27 Febbraio 2019

Job rEvolution, come cambia il mondo del lavoro con l’automazione

Job rEvolution: non è un refuso, è proprio scritto così ed è il titolo che lo studente universitario Alessandro Innocenti, vincitore nella categoria ‘Future Vision’ della Disruptor Challenge, il super contest di University2Business, ha dato al suo articolo che analizza l’impatto dell’intelligenza artificiale sul mondo del lavoro, indagando quali categorie di lavoratori potrebbero essere sostituite dai robot, quali opportunità si aprono per chi verrà rimpiazzato e quali sfide attendono le persone che svolgono professioni altamente qualificate e non immediatamente sostituibili. Ecco, di seguito, le riflessioni di Alessandro.

Continue Reading

22 Febbraio 2019

Il successo delle soft skill nel mondo del lavoro

Perchè le soft skill sono così determinanti oggi per trovare lavoro? Ultimamente stiamo parlando spesso delle competenze trasversali e oggi vogliamo arricchire questa tematica con il contributo di Alessandro Giommi, studente di Ingegneria Informatica e dell’Automazione all’Università Politecnica delle Marche, uno dei finalisti del nostro contest Disruptor Challenge. Alessandro ha affrontato una riflessione che parte dall’analizzare i profondi cambiamenti del lavoro per giungere all’individuazione di una qualità chiave che tutti i candidati a un qualsiasi impiego dovranno in futuro possedere. La parola ad Alessandro…

Continue Reading

20 Febbraio 2019

Le 10 soft e hard skill più richieste nel 2019, secondo LinkedIn

Secondo LinkedIn, che come tutti sanno è il più grande network professionale al mondo, avere consapevolezza di quelle che sono le competenze più richieste dal mercato del lavoro aiuta a trovare il primo lavoro, a cambiarlo, a migliorare la propria carriera dando la possibilità di fare un check e intervenire sulle skill in cui siamo maggiormente deboli. Per il 2019 ha realizzato la sua indagine e stabilito quali sono le tendenze di sof e hard skill.

Continue Reading

15 Febbraio 2019

Laurea in filosofia, ecco cosa rispondere a chi ti dice che non serve a niente

Sono un practical philosopher e le aziende sono in fila alla porta per lavorare con me. Questo si può rispondere a quelli che ancora sono perplessi sulla utilità di una laurea come quella in filosofia.  L’ultima tendenza nelle aziende delle Silicon Valley e che comincia a dilagare in tutto il mondo è reclutare laureati in filosofia come manager o per consulenze esterne. Si chiamano appunto  “practical philosophers”, o CPO (Chief Philosophy Officer), e sono destinati ad avere una grande influenza nella cultura aziendale, scansando i numeri per rimettere al centro l’uomo. Ecco l’identikit di questa nuova figura manageriale.

Continue Reading

12 Febbraio 2019

Intelligenza Artificiale senza pregiudizi grazie a modelli neutrali e peer-review

In che modo è possibile evitare che l’intelligenza artificiale erediti gli stessi pregiudizi di chi la programma? Ha provato a rispondere Cinzia Celeri, studentessa in Ingegneria Gestionale all’Università degli Studi di Bergamo, autrice dell’articolo che segue  con il quale è arrivata finalista nella categoria ‘Future Vision’ alla prima edizione della Disruptor Challenge, il contest di University2Business dedicato a universitari e neolaureati. Il testo di Cinzia intitolato ‘OMNI’ ha colpito per la sua originalità espositiva e la chiara visione del problema ‘responsible AI’ (tema del contest nel quale ha gareggiato). Da qui in avanti, parla Cinzia!

Continue Reading