Il 3 settembre 2021 sarà il giorno che segnerà il destino di chi aspira a una carriera in corsia. Il Ministero dell’Università e della Ricerca (Mur) ha infatti fissato per quella data il test di ammissione nazionale che aprirà le porte ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Il 7 settembre sarà poi la volta del test di ammissione per i corsi di laurea delle professioni sanitarie, mentre si dovrà attendere sino al 29 ottobre per il test di ammissione ai corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie.

Una preparazione accurata è d’obbligo se si pensa che l’anno scorso al test di medicina per 13.072 posti disponibili in totale si sono presentati 66.638 candidati. Se nulla cambierà rispetto al 2020 i futuri dottori avranno a disposizione 100 minuti per rispondere a 60 domande così suddivise: dodici quesiti di cultura generale; dieci di logica; diciotto di biologia; dodici di chimica; otto di fisica e matematica. Per averne certezza bisognerà comunque attendere il bando che il Ministero solitamente pubblicato verso il mese di giugno.

Test di medicina: come prepararsi all’esame di ammissione

Le materie richieste per accedere alla facoltà di medicina sono tante e soprattutto complesse, per questo motivo non è sbagliato cominciare a prepararsi per il test di ammissione appena ottenuto il diploma di scuola superiore, se non addirittura anche prima. Per aver un’idea realistica di come è composto il test di ingresso è possibile scaricare quello dell’anno precedente. C’è dunque poi chi decide di studiare singolarmente, chi in gruppo, chi sceglie di affidarsi a docenti specializzati. Oggi però c’è anche un nuovo modo per prepararsi ad affrontare il test di medicina e il test per professioni sanitarie e si chiama Accademia dei Test, la startup EdTech pensata per superare il test di ammissione alla facoltà di medicina.

Accademia dei Test, la piattaforma di formazione personalizzata

Andrea Chirolli (22 anni), Francesco Salvatore (24 anni), Michele Potenza (22 anni) e Antonio Morsillo (24 anni) sono i quattro ragazzi di Foggia che hanno dato vita a Accademia dei Test.

NEWSLETTER
Cloud, Software e molto altro. Non perdere le notizie più rilevanti della Newsletter di ZeroUno
CIO
CRM

Si tratta di qualcosa di più di una semplice piattaforma di formazione online, la sua particolarità sta nel partire dai punti di forza e di debolezza di ciascun studente: grazie a docenti altamente qualificati, viene sviluppato per ogni studente un percorso di studio personalizzato e cadenzato giorno per giorno fino al momento del test. YesMed, il corso di Accademia dei Test, offre una didattica verticalizzata, basata sull’analisi statistico-matematica dei test, in grado pianificare lo studio e massimizzare i risultati. Non sono infatti proposti corsi di singole materie, ma un percorso a 360° che affronta tutte le discipline contemplate nei test, tra cui fisica, logica, matematica, cultura generale.

“Quello che vogliamo offrire agli studenti non è una semplice formazione, ma un percorso individuale che parta dall’analisi dei dati delle simulazioni svolte dai singoli studenti, individuando i loro punti di forza e di debolezza e migliorando l’apprendimento grazie a report costanti sui progressi ottenuti. Inoltre, per noi è importante curare anche la sfera emotiva degli studenti, perché sappiamo che la preparazione ai test è un momento molto stressante e per farlo offriamo la presenza costante di tutor e professori per un supporto sia emotivo che nozionistico”, spiegano i co-founder di Accademia dei Test.

Ogni percorso è offerto con una formula in abbonamento e ogni studente può accedere al percorso di formazione più adatto alle proprie esigenze: YesMed annuale, YesMed Winter dalla durata semestrale, e YesMed Summer il corso intensivo estivo di circa un mese. La classe è formata da non più di 60 studenti e tutti i corsi sono online e registrati. La formazione è curata da docenti selezionati, tra questi ci sono alcuni tra 20 migliori studenti frequentanti la facoltà di medicina dell’Università di Bologna e anche docenti universitari e di scuola superiore.

Il primo YesMed, partito nell’estate 2020 e sviluppato proprio per l’accesso alla facoltà di Medicina e Chirurgia, ha portato da subito ottimi risultati: il 76% dei partecipanti ha infatti superato i test di sbarramento. Analizzando le graduatorie si è osservato che YesMed è in grado di fornire un miglioramento medio di 20 punti, pari a circa il 50% del punteggio minimo di ammissione.