Dal prossimo 30 ottobre 2020, promosso dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, sarà operativo il nuovo Corso di Alta Formazione in Gestione strategica dell’economia circolare, una novità nel panorama formativo italiano. Composto da 4 moduli, il corso si svolgerà online e si rivolge a manager, neolaureati, imprenditori, sconto del 20% per chi si iscrive entro il 14 settembre.

L’Economia Circolare è uno dei temi del momento e certamente un modello economico di cui non possiamo più fare a meno, perché permette di raggiungere una maggiore sostenibilità nei sistemi di produzione.

Definita in inglese circular economy, il concetto sostituisce un modello economico lineare con uno circolare, appunto, in cui si estende il ciclo di vita dei prodotti, contribuendo a ridurre i rifiuti al minimo. Una volta che il prodotto ha terminato la sua funzione, i materiali di cui è composto vengono infatti reintrodotti, laddove possibile, nel ciclo economico. Così si possono continuamente riutilizzare all’interno del ciclo produttivo generando ulteriore valore.

I principi dell’economia circolare contrastano con il tradizionale modello economico lineare, fondato invece sul tipico schema “estrarre, produrre, utilizzare e gettare”. Il modello economico tradizionale dipende dalla disponibilità di grandi quantità di materiali e energia facilmente reperibili e a basso prezzo.

E’ quindi un settore in cui emergeranno nuove professionalità e competenze.

360digitalskill
Diventa un leader digitale: crea il percorso per te e il tuo team
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

A ciò si rivolge il nuovo Corso di Alta Formazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano (Altis) in Gestione strategica dell’economia circolare, che si occupa di management e imprenditorialità per lo sviluppo sostenibile sin dalla sua fondazione, nel 2005, che ha creato un un percorso ad hoc in collaborazione con Circularity, start up innovativa e società benefitche ha di recente lanciato il primo motore di ricerca per l’economia circolare, e Tondo,organizzazione no profit che incoraggia la transizione verso un modello di sviluppo circolare che imiti il comportamento della natura.

Il Corso si rivolge a un target ampioe intercettaun vasto bisogno diconoscenza e formazione nell’ambito della sostenibilità applicata al business: dai managerche vogliono avviare un percorso di crescita sostenibile che sappia generare valore utilizzando al meglio i materiali-dal redesign dei prodottiall’ottimizzazionedegli scarti di processo fino alla valorizzazionedei rifiuti di produzionein ottica circolare-ai neolaureatiche vogliono approfondire e inserirenella loro formazione l’economia circolare; dagli imprenditori che vogliono arricchire la propria visione strategica per innovare il modello di business con processi di produzione circolari,a figure mid-level o C-levelche vogliono aggiornarsi oconvertirsi professionalmente.

Come si articola il corso

Il Corso di Alta Formazione in Gestione dell’economia circolare è composto da 4 moduli, si svolgerà da ottobre a dicembre 2020 in modalità a distanza e sarà fruibile in due versioni: completa, con 12 videolezioni e 8 sessioni in diretta streaming, o base con 12 videolezioni disponibili fino a giugno 2021.

Il costo del percorso completo è 1.600 € + IVA, quello del percorso base è 500 € + IVA. Sono previsti sconti e agevolazioni, consultabili al link dedicato al Corso: https://altis.unicatt.it/altis-programmi-di-alta-formazione-gestione-strategica-dell-economia-circolare-per-una-transizione-verso.

Le iscrizioni anticipate, che prevedono uno sconto del 20% sul costo complessivo, si chiuderanno il 14 settembre 2020. Coloro che avranno partecipato al corso otterranno un Attestato di Frequenzarilasciato dall’Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS. La modalità di fruizione a distanza, asincrona con videolezioni e sincrona con dirette streaming, è compatibile con l’attività lavorativa e permette di raggiungere un ampio numero di studenti in tutta Italia, aumentando notevolmente la capacità di coinvolgimento e la portata dell’impatto del progetto.

Photo by Mert Guller on Unsplash