“Cosa vuoi fare da grande?” E’ la classica domanda che si rivolge a bambini e adolescenti, una domanda a cui è diventato difficile rispondere. Il mondo del lavoro si sta trasformando radicalmente, un cambiamento epocale di cui abbiamo fino a ora intravisto i primi segnali. Fino a oggi si poteva rispondere ‘voglio fare l’ insegnante, l’autista, l’ingegnere, ci sono sempre stati dei ruoli precisi, dei mestieri precisi. In futuro non sarà così, la forza lavoro sta diventando ‘liquida’ e bisognerà saper nuotare in tali acque.

La tecnologia ci sta sconvolgendo la vita. Netflix, Amazon, Uber e altri hanno cambiato il modo in cui consumiamo l’intrattenimento, facciamo shopping e ci muoviamo. Di conseguenza, anche il nostro modo di lavorare sta cambiando. Il World Economic Forum prevede la scomparsa di 75 milioni di posti di lavoro e la nascita di 133 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2022. McKinsey ci informa che ci sarà un passaggio da compiti manuali e fisici a competenze cognitive, sociali ed emotive più elevate.

 

Come possono le organizzazioni e gli individui prepararsi ad un livello di cambiamento che è quasi impossibile da prevedere a medio termine?

Controllo delle acque

Per le aziende e le organizzazioni un modo per affrontare la transizione e il futuro è il concetto di “forza lavoro liquida”. Ciò significa organizzare e formare i team in modo tale che siano in grado di adattarsi e cambiare rapidamente a seconda dell’ambiente in cui si trovano.

Un’impresa altamente adattabile e pronta al cambiamento, abilitata dalla tecnologia, dovrebbe avere l’apprendimento come competenza di base, offrendo attivamente le capacità richieste per progetti che utilizzano talenti interni ed esterni.

E cosa significa per i lavoratori?

Le aziende richiederanno competenze diverse e noi dobbiamo essere pronti a soddisfare questa domanda. Vedo l’idea della forza lavoro liquida come un immenso oceano in movimento. Un giorno, potremmo avere un grande lavoro e godere di una calda area tropicale. Tuttavia, le forti correnti possono farci passare rapidamente da una posizione stabile a nuove acque dove le nostre capacità non sono più rilevanti, e l’acqua è gelida e fredda. Come possiamo rimanere dove vogliamo essere? Come facciamo a nuotare?

5 consigli per essere un dipendente liquido

Al giorno d’oggi, più che mai, dobbiamo reinventarci durante la nostra carriera. È impegnativo ma essenziale passare da un ruolo ad uno nuovo in modo naturale. Non importa la vostra età o area di competenza, la conoscenza può diventare rapidamente obsoleta. Come riuscite ad essere il talento giusto al momento giusto?

1. Essere consapevoli in ogni momento dove ci si trova nell’oceano. Qual è il tuo stile di nuoto? La domanda non è più quale sia il tuo ruolo attuale (ad esempio, project manager), ma quali competenze possiedi e dove possono portarti. (Potrebbe trattarsi di leadership, negoziazione, programmazione, comunicazione o gestione del rischio.)

2. Capire quali correnti oceaniche stanno arrivando nella vostra zona. Essere aggiornati su ciò che sta accadendo nel vostro settore. Come project manager, potresti voler conoscere nuove tecniche agili e le possibili evoluzioni del tuo ruolo. Poiché è sempre difficile immaginare il futuro, PWC ha definito quattro scenari per il 2030 basati su criteri di frammentazione/integrazione e collettivismo/individualismo. Può aiutare a identificare dove ci si troverebbe in un mondo in cui l’uomo viene prima di tutto, o in un mondo governato dall’innovazione. Cosa accadrebbe se la sostenibilità e le responsabilità sociali fossero i principali motori della società o se vivessimo uno scenario più orientato alle imprese?

3. Imposta la tua direzione. Dove vuoi andare? Quali sono le carenze di competenze di cui attualmente disponete? Potrai prosperare nel nuovo futuro solo se sei uno che impara per tutta la vita. Fai un piano consapevole su come sviluppare nuove competenze che ti mantengano competitivo. Per prendere ad esempio il project management, potresti voler seguire corsi di formazione agile e Scrum (una metodologia agile).

4.In un mondo in cui i rapporti a lungo termine tra datore di lavoro e dipendente stanno scomparendo, considerare la tua carriera come un carnet di lavori è una buona idea. Ad esempio, combinare un lavoro part-time aziendale con il freelance o impartire lezioni nella vostra area di competenza. Questo non solo porta più flussi di reddito, ma anche un maggiore senso di controllo e la possibilità di esplorare aree diverse con le vostre abilità che possono aiutarvi a prosperare.

E infine, cosa più importante: godetevi la nuotata. In un contesto nel quale i ruoli lavorativi sono fluidi e mutevoli, hai la possibilità di sperimentare e cambiare carriera più facilmente. Come project manager, questo potrebbe significare non solo la possibilità di reinventare se stessi in un ruolo agile, ma anche la possibilità di considerare nuovi ruoli digitali emergenti che richiedono le tue competenze. È un’opportunità per trovare il tuo scopo, testare nuove acque e sbloccare il tuo potenziale in un’area diversa.

“Cosa vuoi essere da grande?”. Mia figlia di quattro anni faceva il tifo per un unicorno! Stavo per correggerla e suggerire esempi di lavori di vita reale. Ma poi ho capito: chi sono io per indovinare se quelle professioni ci saranno ancora quando lei avrà la mia età? Possono essere probabili come un unicorno. Così le ho spiegato che potrebbe essere quello che vuole, se impara a nuotare.

( – Senior Manager in Analytics and Digital Integration, Vodafone – Pubblicato originariamente in lingua inglese sul sito WEF)