Manca una settimana alla chiusura del bando Generazione Cultura, promosso da Lottomatica per formare giovani manager dei beni culturali. Sono già tante le candidature pervenute, ma vogliamo ancora una volta ricordare a chi sia ancora indeciso, o si fosse perso il nostro articolo precedente  il valore di questo progetto formativo e la svolta che può dare alla carriera di un giovane laureato. Questa volta lo raccontiamo con le parole e le immagini di chi ha frequentato il percorso nelle precendenti edizioni. Vai col video!

Altri video per approfondire l’esperienza di Generazione Cultura sul canale Youtube dedicato.

 

Ricapitolando: cos’è e e come partecipare a Generazione Cultura

Generazione Cultura è il progetto ideato e sostenuto da Lottomatica, giunto alla seconda edizione, in collaborazione con la LUISS Business School e le 30 tra le più prestigiose istituzioni culturali italiane nel settore dei beni culturali che abbiamo già citato.

La formazione in aula inizierà a novembre, per un totale di 200 ore per 6 settimane, durante le quali verranno approfondite, tra le altre materie: Digital Transformation e Comunicazione, Marketing dell’arte e della cultura, Adventure Lab, Cultural Project Management, Workshop & Skills Improvement.

All’aula seguiranno 6 mesi di stage retribuito (gennaio – giugno 2019), affiancati da un tutor, all’interno di una delle 30 istituzioni culturali. Gli stage avranno come oggetto il marketing e la gestione delle imprese culturali, il fundraising, la trasformazione digitale e l’organizzazione di eventi culturali. Ogni stage sarà modellato sulle esigenze, in termini di crescita e valorizzazione, delle singole istituzioni e realtà territoriali. “Generazione Cultura” rappresenta un’opportunità unica di coniugare la formazione manageriale al settore dei beni culturali per rispondere all’esigenza di preparare i giovani al mondo del lavoro. Nelle precedenti edizioni, infatti, a conclusione dello stage 4 ragazzi hanno proseguito la loro collaborazione con le istituzioni che li hanno ospitati.

Al termine dei 6 mesi di stage un follow up on demand per consolidare le conoscenze e integrare le competenze acquisite sul campo con le nozioni apprese in aula.

Partecipare è semplice:

i candidati (laureati, max 27 anni, lingua inglese fluente) dovranno presentare la domanda di ammissione debitamente compilata online nei periodi di apertura bando, ovvero tra il 10 settembre e il 10 ottobre 2018.
Alla domanda di ammissione alla selezione dovranno essere obbligatoriamente allegati tramite procedura di uploading i seguenti documenti:
a) Fotocopia di un documento d’identità;
b) Fotocopia del certificato di laurea riportante la lista degli esami sostenuti o autocertificazione ai sensi del D.P.R. 445/2000;
c) Curriculum vitae et studiorum;
d) Altri titoli valutabili ai fini dell’ammissione o autocertificazione ai sensi D.P.R. 445/2000

Ricordiamo che l’iniziativa prevede il finanziamento della quota totale del corso di formazione e un rimborso spese di 3.000€ a candidato per tutto il periodo del tirocinio (6 mesi) erogato in due tranche da 1500€ a pagamento posticipato.

Maggiori informazioni e chiarimenti su questa pagina.