La blockchain, in italiano catena dei blocchi, è una tecnologia digitale in pieno boom, secondo molti esperti è la nuova internet, cioè la piattaforma sulla quale saranno sempre più sviluppate moltissime applicazioni per le diverse industrie, a cominciare, ma non solo, dai servizi finanziari:  la blockchain ha il potenziale per rivoluzionare l’economia, l’industria, la pubblica amministrazione, la sanità, l’istruzione. Questo significa che la blockchain sta già creando posti di lavoro e nuove figure professionali, possiamo già indicare quali sono quelle emerse, in ambito tecnico e non.

Una rapida occhiata a LinkedIn mostra al momento 8500 opportunità di lavoro in ambito blockchain, 32 solo quelle italiane; ma anche facendo ricerche su Indeed, Randstad, Jobrapido, Cliccalavoro, Careerjet, è possibile verificare che la richiesta di professionisti digitali che abbiano dimestichezza o specializzazione con la ‘catena dei blocchi’ è molto più ampia di quanto si pensi, le offerte arrivano da società come Deloitte o Accenture, da softwarehouse (che sviluppano applicazioni blochain per clienti terzi), da startup attive nelle criptomonete come Conio. C’è un grandissimo fermento, è quasi una febbre, destinata a contagiare tutti i settori economici e sociali e che avrà sull’economia un impatto enorme. Servono non solo specialisti della blockchain, ma anche figure non propriamente tecniche.

Ma partiamo dall’inizio: cos’è la blockchain?

Venuta alla ribalta in relazione al Bitcoin (che si basa appunto sulla catena dei blocchi), la blockchain non si esaurisce e non è sinonimo della criptomoneta. Secondo la definizione data dal sito Startupbusiness (sul quale ti invitiamo ad approfondire) , ‘La blockchain è un protocollo di comunicazione, che identifica una tecnologia basata sulla logica del database distribuito (un database in cui i  dati non sono memorizzati su un solo computer ma su più macchine collegate tra loro, chiamate nodi).

Si tratta di una base di dati fatta di blocchi che memorizzano blocchi di transazioni valide correlate da un marcatore temporale (timestamp). Ogni blocco include l’hash (una funzione algoritmica informatica non invertibile che mappa una stringa di lunghezza arbitraria in una stringa di lunghezza predefinita) del blocco precedente, collegando i blocchi insieme. I blocchi collegati formano una catena, con ogni blocco addizionale che rinforza quelli precedenti.

La blockchain è anche un registro pubblico e condiviso costituito da una serie di client. La Blockchain è organizzata per aggiornarsi automaticamente su ciascuno dei client che partecipano al network. Ogni operazione effettuata deve essere confermata automaticamente da tutti i singoli nodi attraverso software di crittografia, che verificano un pacchetto di dati definiti a chiave privata o seme, che viene utilizzato per firmare le transazioni. Garantendo l’identità digitale di chi le ha autorizzate.

Qui di seguito un video che spiega molto bene come funziona e perché è così importante.

 

 

 

Le opportunità di carriera nella blockchain

Come dicevamo, il boom di questa nuova tecnologia mostra già importanti implicazioni nel mondo del lavoro perché sta in effetti creando nuove opportunità, che in parte saranno soddisfatte con l’aggiornamento delle competenze digitali di professionisti che già lavorano; ma per la maggior parte richiedono una specializzazione tale da portare alla creazione di figure professionali specifiche.

Ecco dunque una lista con lavori (e non tutti tecnici) che la blockchain ha già creato, secondo quanto riporta The Balance. 

 

Lavori tecnici

 

Blockchain Information Security Analyst: la sicurezza è fondamentale nella blockchain, come si spiega anche nel video precedente, tra i suoi tanti vantaggi è probabilmente la caratteristica vincente. Per cui i maghi della blockchain, con esperienza nella supervisione della crittografia, capaci di prevenire e contrastare le minacce all’impenetrabilità della tecnologia, sono molto richiesti e lo saranno sempre più. E guadagneranno di più rispetto agli esperti di sicurezza IT non-blockchain.

Blockchain Data Scientist: abbiamo più volte detto che i ‘data scientist‘ sono oggi figure ricercatissime. Aggiungiamo che si stanno innamorando della blockchain, che permette di avere dati integri, sicuri, qualitativamente migliori.  Blockchain e big data rappresentano un sodalizio dal grande futuro, ne deriva che anche gli scienziati dei dati con competenze blockchain non potranno che essere ricercatissimi.

Blockchain Developer:  gli sviluppatori scrivono il codice e costruiscono le strutture dati per le catene di blocchi. Devono avere conoscenza approfondita dei ledger, dei contratti intelligenti, dei metodi di consenso e delle criptomonete, oltre che esperienza nell’analisi delle minacce, nel rilevamento delle anomalie e nella gestione delle prestazioni.

 

Lavori non-tecnici

Specialista di Marketing Blockchain: la diffusione della blockchain fa sì che molte aziende che sviluppano servizi con questa tecnologia stiano iniziando a superare la loro fase di startup molto nerd, un po’ underground, e stiano iniziando ad aggiungere processi di marketing  alle loro operazioni. Gli specialisti e i manager di marketing creano piani di marketing, ricercano potenziali mercati, sviluppano strategie sociali e mediatiche per promuovere i servizi, scrivono comunicati stampa e ne scrivono una copia per i siti web. Per un chi oggi vuole fare marketing, lavorare per una società della ‘blockchain economy’ può essere una sfida molto stimolante.

Blockchain Project Manager: la creazione di applicazioni blockchain è di solito un processo complesso, che richiede un coordinamento preciso di molti livelli di informazioni e che richiede un supporto tempestivo di diversi rappresentanti del personale e dei clienti. I responsabili di progetto delineano le fasi del progetto e fissano gli obiettivi e le scadenze. Monitorano i progressi, coordinano la comunicazione tra i partecipanti e risolvono i problemi di processo.

Technical Recruiter: data la rapida espansione del settore e la relativa carenza di manodopera qualificata, ci sarà parecchio da fare anche per i recruiter capaci di valutare le competenze blockchain di un candidato. Una forte conoscenza di cosa si richieda in una società blockchain e la capacità di attrarre talenti saranno fondamentali per il successo in questo ruolo.