Il machine learning specialist è attualmente una delle nuove professioni più ricercate, meglio pagate e in maggiore ascesa nel mondo. Si tratta di un profilo tecnico ma anche multidisciplinare, che ha avuto un boom molto rapido e inaspettato, le cui competenze devono essere acquisite attraverso percorsi di studi non convenzionali. La maggioranza degli attuali machine learning specialist è autodidatta. Di cosa si occupa questo professionista e quali competenze deve avere?

Come ripetiamo costantemente, cresce nel mondo la domanda di professionisti digitali che, attualmente, non trova soddisfazione nel mercato del lavoro. Tutte le aziende sono alla ricerca di talenti digitali, di collaboratori con competenze digitali, di figure professionali il cui ‘identikit’ si è in astratto ben delineato ma non trova corrispondenza nella realtà.

Stanno emergendo nuove professioni e il machine learning specialist è una di queste, secondo un quadro tracciato dal sito per manager aziendali Digital4.

Il Machine Learning Specialist è una nuova professionalità legata all’ambito dell’intelligenza artificiale (AI) e si sta sviluppando molto più velocemente rispetto alla maggior parte di altri percorsi professionali.

Il machine learning nasce dal connubio tra statistica e informatica e ha rivoluzionato il campo dell’AI: si basa su una nuova classe di algoritmi di apprendimento che migliorano nel tempo e sulla disponibilità di grandi moli di dati che supportano sistemi. Semplificando, il sistema software impara e si evolve in autonomia.

I corsi di informatica tradizionale non sono più sufficienti per formare questi professionisti: il machine learning non riguarda solo gli informatici, ruota attorno alla raccolta, al confronto e all’analisi dei dati, estendendosi su diversi campi, tra cui la matematica, la statistica e la programmazione. Anche la formazione dei manager non è più sufficiente: per riuscire a interagire con gli esperti di machine learning hanno bisogno di aggiornarsi e familiarizzare con la tematica, il cui raggio d’azione spazia su diverse aree di business.

L’esplosione della domanda di queste competenze è avvenuta molto più rapidamente di quanto i tradizionali corsi accademici si aspettassero. Secondo Stack Overflow, che gestisce la più grande community di sviluppatori online e realizza uno dei sondaggi annuali più estesi del settore, i Data Scientist, i Machine Learning Specialist e gli sviluppatori con un background di statistica o matematica sono oggi tre delle quattro posizioni più remunerative nell’ambito software.

E le persone stanno cercando di trovare la loro strada in questo campo attraverso percorsi non convenzionali. Un recente sondaggio, condotto su 16.000 utenti di Kaggle – la piattaforma di crowdsourcing acquisita nel 2017 da Google, dedicata all’apprendimento automatico e utilizzata da oltre 600mila professionisti di dati per costruire modelli predittivi – ha rilevato che solo il 30 % ha studiato machine learning o data science nel suo percorso universitario. Il 66% si è descritto autodidatta e poco più della metà ha dichiarato di aver utilizzato corsi online per formarsi. Le persone coinvolte nell’indagine hanno seguito percorsi fomativi differenti: si va dalla fisica all’informatica, dalla statistica classica, alla bioinformatica e all’ingegneria chimica.

Andrew Ng, uno dei pionieri della tecnica “deep learning” (da lui sviluppata mentre era professore alla Stanford University),  afferma che con l’evoluzione del settore, cominciare ad approcciarsi a questo ambito sta diventando più facile per i non specialisti. Con l’avvento del deep learning, infatti, gli algoritmi diventano sempre più semplici, perché ci si affida di più ai dati. In questo video, la sua prima lezione nel corso di Machine Learning alla Stanford University. Qui di seguito un veloce video di Google che illustra in maniera semplice in cosa consiste il machine learning.

Come diventare un machine learning specialist

Abbiamo detto che attualmente la magior parte degli specialisti di questo settore sono autodidatti, quindi hanno sviluppato le proprie competenze attraverso corsi alternativi o aggiuntivi rispetto a quelli universitari.

Affronteremo in un prossimo articolo con maggiore ampiezza il tema dei corsi gratuiti e non di machine learning, nell’immediato il nostro suggerimento è di cominciare a prendere in considerazione i corsi online, ve ne sono diversi anche forniti da importanti università come Stanford o importanti piattaforme come Coursera e Udemy.

Moltissimi corsi sono reperibili attraverso Springboard, un motore di ricerca per i corsi online: a volte il sito sembra non offrire risultati ben aggiornati e attuali, ma si tratta spesso di corsi ‘always on’ poiché si tratta di video lezioni, ed è comunque utile per avere velocemente una lista delle università e società che offrono formazione in questo ambito.

Per una panoramica molto interessante sull’argomento (e totalmente gratuita) è offerta con i video di questa serie di lezioni di un summer camp del MIT, Brains, Minds and Machines, che esplora il funzionamento delcervello umano e come esso venga replicato nelle macchine.

 

Descrizione del lavoro in pillole

Il Machine Learning Specialist è il professionista specializzato nello sviluppo del machine learning, una branca dell’intelligenza articiale che si concentra sullo sviluppo di algoritmi che possono “imparare” o adattarsi ai dati e fare previsioni.

Secondo Talentlyft si occupa di:

– Progettazione e sviluppo di algoritmi di machine learning
– Scoprire, progettare e sviluppare metodi analitici a sostegno di nuovi approcci all’elaborazione dei dati e delle informazioni.
– Progettare e sviluppare nuovi algoritmi
– Eseguire analisi esplicative dei dati
– Generare e testare ipotesi di lavoro
– Preparare e analizzare i dati storici e identificare i modelli
– Fornire supporto tecnico per la gestione del programma e le attività di sviluppo commerciale, compresa la stesura di proposte e lo sviluppo del cliente
– Possedere e gestire la condivisione delle conoscenze all’interno di una community di riferimento