Dal 14 al 17 maggio a Milano la nuova edizione di “The Future Makers”, l’iniziativa – organizzata da The Boston Consulting Group – darà modo a 100 fra i migliori studenti fra i 23 e i 26 anni, rappresentativi delle università più prestigiose d’Italia e d’Europ, di accedere a un percorso di formazione esclusivo, che li farà incontrare con i capi di grandi aziende, i campioni dello sport, i guru della consulenza, i leader istituzionali.

Il progetto è alla sua terza edizione e i risultati delle precedenti indicano che la strada scelta dal The Boston Consulting Group per preparare giovani talenti alla sfida del mercato del lavoro è quella giusta : il 93% dei partecipanti delle prime due edizioni ha oggi un impiego, il rimanente 7% sta ancora studiando.

“The Future Makers” è un’iniziativa formativa che continua ad avere un grande impatto sulla crescita professionale e personale dei giovani. Tra i partecipanti delle edizioni precedenti, che hanno terminato gli studi, oltre il 90% ha trovato lavoro. Anche quest’anno saranno quattro giorni intensi, in cui approfondiremo tematiche al cuore dello sviluppo della nostra società: dal digitale alla trasformazione del mondo industriale, dalle principali sfide dell’economia della cultura e della creatività fino alla ricerca scientifica. Un’occasione unica per restituire al Paese e investire nel futuro”, ha commentato Giuseppe Falco, Amministratore Delegato di The Boston Consulting Group Italia, Grecia e Turchia.

Il percorso di formazione si articola in quattro intense giornate, nelle quali i 100 studenti selezionati, potranno confrontarsi con autorevoli relatori, guidati da oltre 30 esperti di BCG: sarà per esempio presente il fondatore di Candy Crush Riccardo Zacconi, gli amministratori delegati di ENI e KIKO Claudio Descalzi e Cristina Scocchia, il direttore scientifico dell’Istituto Clinico Humanitas Alberto Mantovani e molti altri.

L’obiettivo di “The Future Makers” è contribuire alla formazione delle giovani generazioni, i leader del futuro, e offrire loro un’occasione di incontro e scambio con i rappresentanti della business e social community italiana e internazionale.

I 100 studenti sono stati selezionati su una base di 12mila con il supporto dei Rettori e un roadshow per le università durato sei mesi, e valutati non solo sulla base del loro curriculum scolastico, ma anche della loro passione, della capacità di introspezione e comprensione dei grandi fenomeni.

Nelle edizioni 2016 e 2017, i “Future Makers” si sono confrontati con decine di testimoni fra i quali il CEO di Enel, Francesco Starace, il Ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda, il CEO di Eataly, Andrea Guerra, il presidente di Valore D, Sandra Mori, l’atleta paraolimpica Bebe Vio, il direttore innovazione del World Food Programme, Robert Opp. E ancora Francesco Caio, già amministratore delegato di Poste Italiane, il commissario straordinario per l’attuazione dell’agenda digitale, Diego Piacentini e molti altri.

Maggiori informazioni sull’iniziativa nel sito ufficiale.

Ricordiamo che il prossimo autunno riprenderanno le selezioni per la prossima edizione.

l programma “The Future Makers” è rivolto a:

-Laureati in corsi di laurea magistrale da massimo 1 anno;
-Studenti e laureandi in lauree magistrali;
-Studenti e laureandi orientati a una carriera manageriale;
-Candidati con buona padronanza della lingua italiana e inglese (livello B2/C1)

I candidati saranno valutati non soltanto sulla base del loro curriculum accademico, ma anche della loro passione, della capacità di introspezione e comprensione dei grandi temi che stanno plasmando il mondo e il nostro Paese, con una particolare attenzione alla diversità e all’inclusione.

Nella prima fase di candidatura vi sarà richiesto di allegare il CV e la lettera motivazionale.
In una seconda fase, dopo aver inoltrato la domanda, si riceve entro una settimana il link per poter scaricare l’assessment game della durata di circa 30 minuti. Nell’infografica seguente tutte le fasi della selezione.