Non farti ingannare dal nome, questo hackathon è aperto a tutti, non solo ingegneri e sviluppatori, quello che serve sono le idee! Dal 29 al 30 aprile in 5 città italiane, partecipa all’evento che svolgerà in contemporanea in tutto il mondo, comprese 5 città italiane: Torino, Milano, Roma, Napoli e Vicenza.

L’evento rappresenta il più grande hackathon dedicato allo spazio a livello mondiale e si svolgerà sabato 29 e domenica 30 aprile 2017 in contemporanea in oltre 170 città, coinvolgendo migliaia di persone di tutti i continenti.

Parte dell’iniziativa internazionale Open Government Partnership, la Space Apps Challenge ha l’obiettivo di unire persone con competenze trasversali nella realizzazione di progetti che riguardano da vicino lo spazio. Per risolvere le sfide dell’evento servono una molteplicità di discipline, dalla robotica all’aeronautica, dal design alla data visualization, dalle competenze tecniche a quelle business. A partecipare sono dunque chiamati designer, artisti, imprenditori, studenti e curiosi, indipendentemente dal loro background personale o dal livello delle loro competenze.
Il tema annunciato per questa nuova edizione è “la Terra”, un sistema complesso e dinamico: per tutto l’anno, la NASA prova a far luce su molti aspetti che la riguardano, tra cui gli oceani, i terreni e gli esseri viventi. Con la Space Apps Challenge, la NASA intende coinvolgere tutti i partecipanti per scoprire qualcosa in più sul mondo in cui viviamo, prevedendo i futuri processi del nostro Pianeta.

La Space Apps Challenge avrà inizio sabato 29 aprile alle ore 9.30 con la presentazione dei mentor e della giuria. Successivamente, i team potranno iniziare a lavorare e sviluppare i propri progetti con il supporto dei mentor. Questa fase potrà andare avanti per tutta la notte, fino alla domenica pomeriggio quando i progetti dovranno essere pubblicati presentati alla giuria locale e pubblicati nella piattaforma online per poter partecipare alla sfida globale.

Ecco le tappe italiane.

A Torino sarà co-organizzato da Treatabit, il programma di preincubazione dell’I3P per le startup digitali, in collaborazione con Tyvak International, I3P, Leaf Space, HKN Polito, Jetop e Alta Scuola Politecnica; sarà ospitato presso l’incubatore del Politecnico di Torino (via Piercarlo Boggio 59/A).

Per la registrazione questo è il link al sito ufficiale.

A Milano l’evento si terrà in via Venini 42, presso Mikamai – Linkme, puoi registrarti su questa pagina e trovare maggiori informazioni sulla pagina facebook.

A Roma si terrà presso la facoltà di Ingegneria dell’Università La Sapienza, via Eudossiana 18, registrazione e tutte le informazioni su questa pagina.

A Napoli la location prescelta è l’Università degli Studi di Napoli Federico II – Scuola Politecnica e delle Scienze di Base – Complesso Napoli Est di San Giovanni a Teduccio. Tutte le info qui.

Anche a Vicenza sarà il campus universitario a ospitare l’evento, in viale Margherita 87, qui maggiori dettagli sullo svolgimento.

 

COME PARTECIPARE

La partecipazione, completamente gratuita, è aperta a tutti gli appassionati di qualsiasi background ed età. L’evento inizia la mattina di sabato 29 Aprile tra le ore 8:30 e le 9.30 in base alle sedi e si conclude il pomeriggio di domenica 30 Aprile alle ore 19:00 con l’annuncio dei vincitori locali di quest’anno, scelti dalla NASA.

TEAM

Puoi creare un team in qualsiasi momento a partire da adesso fino al giorno stesso dell’evento sfruttando il Telegram Bot che verrà messo a disposizione a breve. Il tuo team dovrà scegliere una challenge tra quelle disponibili su 2017.spaceappschallenge.org/challenges. Sarà inoltre necessario che almeno una persona del tuo team abbia una buona conoscenza dell’inglese, lingua in cui troverai tutte le informazioni sulle challenge e che dovrà essere usata domenica mattina per la presentazione finale del progetto.

INFORMAZIONI GENERALI

Dal pranzo di sabato 29 al pranzo di domenica 30, tutti i pasti verranno offerti ai partecipanti nella mensa dell’Università.

Se vuoi fermarti per dormire o lavorare durante la notte, porta un sacco a pelo e uno stuoino: si dorme letteralmente sul pavimento!

Altre cose da ricordare: porta naturalmente il tuo computer e ricorda gli hashtag ufficiali se vuoi twittare #SpaceApps e #SpaceAppsItaly (magari ci sarà anche quello specifico della tua sede).

Per farti un’idea, guarda su questa pagina i progetti che hanno vinto lo scorso anno.