Le competenze digitali sono al centro di un accordo tra il Ministero Italiano Università e Ricerca (Miur) e Cisco Italia volto a rafforzare il programma per studenti Networking Academy negli istituti superiori italiani. La tech company, impegnata in tutto il mondo nella diffusione della cultura digitale, in Italia vuole aiutare i giovani a sviluppare le competenze che servono per il mercato del lavoro.

“C’è bisogno di 175 mila profili IT qualificati entro il 2020 che al momento non ci sono” aveva detto lo scorso aprile in una intervista a Startupbusiness Enrico Mercadante, il manager di Cisco che in Italia ha, tra le altre cariche, anche la responsabilità di seguire le attività di innovazione ed education.

Recenti studi europei, hanno indicato in 825.000 i posti di lavoro che nei prossimi cinque anni rimarranno scoperti per la difficoltà di reperire persone che abbiano competenze digitali adeguate.

Ecco il motivo per il quale una delle più grandi multinazionali dell’IT ha attivato per l’Italia un piano d’investimenti da 100 milioni di dollari volto a accelerare la digitalizzazione del nostro Paese e, sul fronte della formazione,  colmare le carenze di skill tecnologici. A questo specifico focus è infatti dedicata la Networking Academy, un programma dedicato agli studenti che esiste da molti anni, ma che sarà ora ampliato a temi tech in grande crescita come  IOT, cyber security, industry 4.0. (In diciassette anni di attività  nel nostro Paese, il programma Networking Academy ha permesso a oltre 16.000 studenti di ottenere una certificazione Cisco nell’ambito del settore IT).

Ora, grazie all’accordo di collaborazione tra Cisco Italia e Miur, nel quadro del programma #Digitaliani,  Cisco rafforza ulteriormente il suo impegno, dandosi l’obiettivo di raggiungere 100.000 studenti in tre anni, rafforzando la presenza del suo programma di formazione Cisco Networking Academy negli istituti superiori di tutta Italia – soprattutto istituti tecnici e professionali.
Con l’inizio dell’anno scolastico 2016/2017 saranno disponibili per le scuole che sono sede di Cisco Academy nuovi percorsi di formazione Cisco dedicati alla cybersecurity e alle tecnologie per l’industria 4.0, che si affiancano ai corsi gia’ esistenti dedicati alle tecnologie di networking.

Inoltre, saranno attivate azioni di formazione digitale in tutto il territorio nazionale verso personale docente, dirigenti scolastici e personale della scuola – con l’obiettivo di raggiungerne 5.000 nell’arco di tre anni .

“Quando abbiamo annunciato il nostro piano di investimento Digitaliani, abbiamo sottolineato con forza la centralita’ delle competenze digitali, perche’ l’evoluzione tecnologica che sta investendo la societa’ e l’economia puo’ trasformarsi in opportunita’ e innovazione soltanto se le persone possono comprenderla, gestirla e farne strumento per il proprio futuro, rispondendo alla crescente richiesta di professionisti qualificati” ha affermato Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia.

I 268 centri di formazione Cisco presenti nel nostro Paese, ospitati all’interno di scuole e centri di formazione, potrebbero essere addirttura incrementati per rendere  più capillare la presenza delle Academy sul territorio italiano.

Per approfondire sulla notizia puoi leggere il post “Digitaliani si diventa….a partire dalla scuola” sul Cisco Italia Blog ; puoi inoltre approfondire sull’approccio di Cisco alla cultura dell’innovazione attraverso la “newsroom” internazionale dell’azienda;  segui su Twitter l’hashtag #digitaliani e l’account @CiscoNetAcad per vedere giorno per giorno come Cisco promuove e realizza il suo piano di supporto alla digitalizzazione del nostro Paese.

info_netACAD