Nel mondo del lavoro è ormai di fondamentale importanza la conoscenza delle lingue straniere.
Per quasi tutte le professioni è richiesto almeno un buon livello di padronanza della lingua inglese, ma sono spesso richiesti anche il francese, il tedesco e lo spagnolo, e pian piano si fanno strada le lingue orientali come il cinese ed il giapponese.

Hai approfittato delle vacanze estive per andare all’estero e perfezionare la tua conoscenza di una lingua straniera? Bene, è allora il momento di aggiornare il tuo curriculum, ma per farlo devi sapere come vanno inserite nel CV questo tipo di informazioni e qual è il tuo livello di conoscenza della lingua.

Per l’inserimento delle conoscenze linguistiche, vi è nel CV una sezione appositamente dedicata. Innanzitutto vanno inserite le lingue conosciute partendo da quella che conosci meglio. È necessario indicare, per ciascuna lingua, il livello parlato e scritto che può essere: scolastico, buono o ottimo.
Inoltre, se sei in possesso di attestati linguistici, rilasciati dopo aver seguito dei corsi di lingua o sostenuto degli esami di certificazione, è bene scriverlo nel curriculum indicandone la durata e l’anno di conseguimento.
È importante essere onesti su quest’aspetto: meglio ammettere le proprie lacune e dimostrarsi disponibili a colmarle piuttosto che fare brutte figure durante un colloquio di verifica delle conoscenze linguistiche dichiarate nel proprio CV!
In questa sezione puoi anche indicare gli eventuali progetti Erasmus e soggiorni all’estero, nell’apposita voce “Studi all’estero”: si tratta di esperienze che non tutti possono vantare, quindi è bene dar loro la dovuta importanza.

Ci sono diversi test per certificare la propria conoscenza di una lingua straniera. I principali, relativi alle lingue più diffuse e più richieste e riconosciuti a livello internazionale sono:

– Lingua inglese: Key English Test – KET (livello A2), Preliminary English Test – PET (livello B1), First Certificate in English – FCE (livello B2), Certificate in Advanced English – CAE (livello C1), Certificate of Proficency English – CPE (livello C2), Business English Certificate – BEC (disponibile nei livelli B1, B2 e C1), International Legal English Certificate – ILEC (livello B2 /C1), International Certificate of Financial English – ICFE (livello B2/C1), Graded Examinations in Spoken English – GESE ESOL, Integrated Skills Examination in English – ISE ESOL, Spoken English for Work – SEW, International English Language Testing System – IELTS, Test Of English as a Foreign Language – TOEFL, Test Interactive English – TIE.

– Lingua francese: Diplôme Initial de Langue Française – DILF (livello A1), Diplôme d’Etudes en Langue Française – DELF (disponibile nei livelli A1, A2, B1, B2), Diplôme Approfondi en Langue Française – DALF (disponibile nei livelli C1 e C2), Test de Connaissance du Français – TCF, Test d’Évaluation de Français – TEF, Diplômes de Français Professionnel – DFP (disponibile nei livelli A2 e B1).
– Lingua spagnola: Diplomas de Español como Lengua Extranjera – DELE (disponibile nei livelli A1, A2, B1, B2, C1, C2), Certificato di Spagnolo Commerciale – CEC (livello B1), Diploma di Spagnolo Commerciale – DEC (livello C1).

– Lingua tedesca: Goethe-Zertifikat (disponibile nei livelli A1, A2, B1, B2, C2), Zertifikat Deutsch für den Beruf (livello B2).

Se, in assenza di una certificazione linguistica, vuoi sapere quale livello dichiarare o semplicemente vuoi metterti alla prova, puoi trovare anche online dei test dedicati alla valutazione del proprio livello di conoscenza di una lingua straniera. Ti consigliamo, ad esempio, questo sito, su cui puoi testare le tue conoscenze di inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Buon lavoro!