In questi ultimi anni si sentono molti casi di studenti laureati che non trovano occupazione. Nel mercato del lavoro alcuni campi sono già abbastanza folti. Altri invece non offrono la sicurezza e il futuro che ci si aspetta. In casi come questi, un neolaureato che cerca di avviare una carriera lavorativa di successo, come dovrebbe comportarsi?

Forse bisogna chiedersi se questo sia un periodo storico in cui non si può solo cercare ma in cui bisogna anche scoprire e crearsi delle opportunità.

Cercando nelle varie sedi dell’università e nei dintorni si trovano molti annunci. E’ vero che spesso riguardano richieste per collaborazioni a progetti o piccoli stage, ma sono un buon inizio per acquisire esperienza e competenze di teamwork. A volte invece si possono trovare offerte di aziende molto grandi e importanti, grazie alle quali si può provare a cogliere l’occasione, dimostrando le proprie capacità, per poi convincere l’azienda a farsi assumere a tempo indeterminato.

Di certo se ci si laurea con un voto molto alto, è molto probabile che qualche azienda avvii subito dei contatti, quindi il voto di laurea aiuta molto nel trovare una buona occupazione ma non è una sicurezza. Ormai le richieste sono aumentate rispetto alle offerte e per lavorare non basta laurearsi ma bisogna anche dimostrare di meritarsi un posto di lavoro. Per far ciò è utile aver acquisito più esperienza possibile tramite tirocini e stage, meglio ancora se lo si è fatto durante gli anni di studio. Infatti dopo essersi laureati, l’unico modo per fare esperienza è svolgere qualsiasi lavoro si trovi, rischiando di perdere tempo e rallentare l’inizio della vera e propria carriera lavorativa nel campo che più si desidera.

Per crearsi più opportunità possibili, oltre a cercare bisogna scoprire e creare. Bisogna utilizzare al massimo il web, uno strumento che negli ultimi anni è al centro del mondo del lavoro e che molte aziende utilizzano per trovare dei futuri dipendenti. Grazie a internet, oltre a trovare ulteriori offerte, si può ampliare la propria esperienza e le proprie competenze. Sono presenti molti concorsi e gare riguardo molte tematiche, in primis l’informatica con possibilità di svolgere progetti open source online, concorsi di grafica, blogger, programmazione e altro. Ma si possono trovare anche gare centrate sul mondo dell’economia e soprattutto concorsi pubblici. Uno dei tanti siti che offrono queste opportunità è proprio University to Business.

Può essere molto utile iscriversi a Linkedin, il social network per lo sviluppo di contatti lavorativi. Si può creare il proprio profilo in cui inserire tutte le proprie esperienze lavorative, competenze e passioni. E se si ha un buon numero di conoscenze e si ha svolto qualche progetto o lavoretto, allora può essere una buona idea creare anche un piccolo sito web personale, dove ci si può presentare, mostrare nei dettagli il proprio curriculum e i propri interessi. Poi successivamente si può aumentare la visibilità del sito inserendolo tra le informazioni personali nei vari social network e siti in cui si è registrati. Infatti bisogna tener conto che attualmente molte aziende prima di assumere un dipendente, cercano su di esso informazioni su internet e quindi avere un profilo Linkedin e un proprio sito web può essere sicuramente un vantaggio.

Invece, per provare a crearsi da soli delle opportunità future è importante sfruttare tutto ciò che il settore mette a disposizione. Ad esempio, se si studia l’informatica si possono creare siti web, applicazioni e realizzazioni grafiche, e tutto questo addirittura da soli a casa senza dover cercare aziende o piccole start-up. Se invece si studia economia, si possono cercare contests online ma soprattutto fare stage e tirocini, anche estivi, presso uffici contabili, commercialisti o analisti. Stessa cosa vale per chi studia medicina, è necessario durante gli studi far il più possibile tirocini, anche per farsi conoscere da medici e professionisti. Nonostante tutte queste attività portino raramente un vantaggio economico diretto e duraturo, fanno aumentare notevolmente il proprio curriculum e le proprie skills.

Quest’ultime sono molto importanti ed è un grande errore non indicarle in curriculum e presentazioni sul web. Infatti le aziende oltre alle conoscenze e all’esperienza, cercano l’abilità di lavorare in gruppo, le capacità di assumere responsabilità e competenze di problem solving.

L’autore: Ayoub Raji, 22 anni, sta frequentando il corso triennale di Ingegneria Informatica presso l’Università di Bologna e ha concluso il terzo anno di studi. Dal 2013 scrive articoli e guide su un blog dedicato all’informatica ed al supporto agli utenti.

Ha partecipato alla gara “Ti piace scrivere? Aiutaci a creare contenuti per il blog!” perché U2B, oltre ad offrire l’opportunità di fare esperienza, dà la possibilità di condividere i propri pensieri e di dar preziosi consigli agli altri studenti universitari della community.