Sei appassionato di Social Media e vorresti trasformare questa tua passione in un vero e proprio lavoro? Sappi che è possibile, ma ci sono alcuni “step” che dovrai affrontare per riuscire nel tuo obiettivo.
Se gestisci una pagina Facebook ad esempio, sapere come ottenere follower e guadagnare “mi piace” è già un buon punto di partenza ma non è sufficiente se non si è familiari con le logiche dell’advertising: essere in grado di pianificare, negoziare ed analizzare attività pubblicitarie online è diventata una capacità essenziale per chiunque voglia ottenere un ruolo lavorativo che abbia a che fare col mondo dei Social Media.

Molte grandi aziende stanno infatti cercando di sfruttare il potenziale della pubblicità fatta online sulle varie piattaforme dei Social Media. Per questo motivo, le realtà aziendali sono sempre più alla ricerca di risorse da inserire all’interno del proprio organico per ricoprire ruoli legati al Web-Social Marketing: persone che siano in grado ad esempio di utilizzare i diversi strumenti disponibili per svolgere attività di comunicazione su Facebook, Instagram, Twitter e LinkedIn.

Naturalmente apprendere velocemente tutti i vari strumenti di pubblicità disponibili su tutti i Social Media è quasi impossibile: molte cose le imparerai sul campo, una volta che inizierai a lavorare.
Ci sono tuttavia alcuni passi con cui è possibile iniziare e che ti permetteranno di essere un gradino più in alto rispetto ai tuoi “concorrenti” nel momento in cui sarai alla ricerca di un lavoro legato ai Social Media.

La prima cosa che devi conoscere sono i termini tecnici legati al mondo dei Social.
Hai già sentito parlare o letto di concetti quali CPC, CPM e tassi di conversione, ma non sai esattamente cosa significhino questi acronimi?
Ecco una piccola guida che ti aiuterà ad avere familiarità con le definizioni di questi importanti termini cross-platform:

WHITEPAPER
Come e perchè la connettività svolge un ruolo importante nel collegare CX e MX?
Intelligenza Artificiale
Marketing

– PPC (pay per click): PPC è un modalità per far pubblicità in cui gli inserzionisti pagano una tassa ogni volta che un utente clicca uno dei loro annunci.
– CPC (costo per click): CPC si riferisce al costo che un inserzionista paga ogni volta che un utente fa click su un annuncio della sua campagna PPC.
– CPA (costo per azione): CPA è l’importo che un inserzionista è disposto a pagare quando i click sul suo annuncio portano ad un’effettiva vendita.
– CPM (costo per mille): il costo per 1.000 visualizzazioni degli annunci (non per click).
– CTR (click through rate): rapporto tra il numero di persone che vedono un annuncio ed il numero di persone che cliccano un annuncio.
Conversion rate (tasso di conversione): rappresenta il numero di persone che hanno fatto qualsiasi cosa che rientri nella definizione di “conversione”, a partire da un annuncio (ad esempio, persone che hanno fatto un acquisto, che hanno visitato il sito web, o che si sono iscritte alla newsletter).

Una volta entrato in confidenza con questi termini, potrai passare allo step successivo: si tratta di famigliarizzare con le caratteristiche uniche e distintive di ciascun Social Network utilizzabile per l’online advertising. Facebook, infatti, non è l’unica piattaforma Social utilizzata dalle aziende per attività pubblicitarie: diverse altre piattaforme sono recentemente entrate in gioco e stanno diventando sempre più preziose, da questo punto di vista, per le aziende.

Se il Social Marketing ti appassiona, segui il nostro blog per saperne di più, approfondiremo in seguito le caratteristiche, i pro ed i contro dei vari Social Network.