Il passaggio dalle scuole superiori all’università non avviene sempre nel migliore dei modi, soprattutto per chi non è abituato a studiare e organizzarsi in modo ben definito. Se si riesce subito ad approcciarsi correttamente a questo nuovo ambiente, si avranno buone probabilità di avere successo e raggiungere i propri obiettivi, in caso contrario la carriera universitaria potrebbe diventare un vero e proprio incubo. Perciò è molto importante avere le idee ben chiare ancora prima di iniziare il primo anno accademico.

Per prima cosa, è utile chiedere consigli e ascoltare l’esperienza di chi ha già affrontato l’università. Così si può già avere una prima idea di cosa bisogna aspettarsi e di quali problemi potrebbero capitare all’inizio. Quindi se si conosce qualche studente universitario o anche un laureato, è meglio chiedergli qualsiasi cosa passi per la mente, sicuramente ciò che dirà sarà di grande aiuto. Senza avere consigli, pareri ed esperienze di altri, non si sarà completamente preparati ad affrontare le novità e sarà più facile commettere alcuni degli errori più comuni. Uno di questi è quello di partire con molta calma e tranquillità per poi capire di aver sbagliato atteggiamento solo verso la fine del primo ciclo di lezioni.

Inoltre, ci si può portare avanti cercando più informazioni possibili sui corsi che si dovranno affrontare, in particolare è molto importante leggere il programma di ognuno di essi, le modalità con cui si svolgono le lezioni e le modalità d’esame. Perciò bisogna accedere al sito del proprio corso ed esaminarlo con molta attenzione, leggere il piano didattico ed entrare nella pagina dedicata ad ogni esame che si dovrà affrontare.

Poi c’è da fare la cosa più importante, prepararsi allo studio. Bisogna tener bene in mente che per passare gli esami non basta la passione per ciò che si studia o la propria volontà ma c’è bisogno di organizzazione e duro lavoro. Uno degli errori più grandi che si fanno all’inizio è quello di sottovalutare la mole di studio, ritrovandosi a studiare tutto nel mese prima degli esami, dovendo così lasciarne indietro almeno uno o due per mancanza di tempo. Quindi appena iniziano le lezioni bisogna organizzare gli orari in cui ci si dedica allo studio, scegliendo una suddivisione delle materie in modo tale da non concentrarsi esclusivamente su una. Può essere d’aiuto stampare l’orario delle lezioni, guardare dove si hanno ore buche e segnare gli orari in cui si programma di studiare una certa materia, così da avere una buona organizzazione grazie alla quale si può subito partire con un buon ritmo.

Le lezioni universitarie sono molto diverse da quelle scolastiche. Spesso si è liberi di scegliere se andarci o meno, si può uscire ed entrare senza troppi limiti e non si viene interrogati. Ciò può far prendere alla leggera la situazione, pensando che sia tutto sotto controllo, ma poi quando si avvicinano gli esami si cambia nettamente idea. Quindi bisogna stare attenti durante le lezioni, prendere appunti quando il professore spiega qualcosa che non viene indicato con precisione nelle slide o nel libro, e annotarsi le cose che non si ha capito, così da provare a comprenderle da soli in un secondo momento o andando a ricevimento dal professore. Sicuramente una cosa da non fare è quella di giocare con lo smartphone o il pc mentre c’è lezione, nessuno dirà nulla ma è un comportamento che alla lunga porta a sottovalutare le spiegazioni dei professori e a far perdere tempo prezioso. Bisogna ricordarsi che più si sta attenti durante le lezioni e meno bisognerà studiare da soli.

Se tra i vari studenti, c’è un gruppetto con cui poter studiare non sarebbe una brutta idea trovarsi ogni tanto per risolvere i primi problemi di studio. In questo modo ci si può aiutare a vicenda per comprendere meglio argomenti difficili o totalmente nuovi. E un gruppo di studio è utile anche per organizzarsi meglio, ci si può trovare per qualche giorno ogni settimana e in questo modo ci si abituerà di più a studiare in modo regolare.
Questa esperienza sarà di aiuto anche in futuro, quando probabilmente capiterà qualche esame in cui bisognerà svolgere un progetto in gruppo.

Quindi per iniziare alla grande l’università non bisogna fare sforzi enormi ma basta informarsi, organizzarsi e soprattutto prepararsi a studiare in modo serio e continuo. Se si riescono a fare queste cose, allora la propria carriera universitaria si avvierà sicuramente con una marcia in più.

L’autore: Ayoub Raji, 22 anni, sta frequentando il corso triennale di Ingegneria Informatica presso l’Università di Bologna e ha concluso il terzo anno di studi. Dal 2013 scrive articoli e guide su un blog dedicato all’informatica ed al supporto agli utenti.

Ha partecipato alla gara “Ti piace scrivere? Aiutaci a creare contenuti per il blog!” perché U2B, oltre ad offrire l’opportunità di fare esperienza, dà la possibilità di condividere i propri pensieri e di dar preziosi consigli agli altri studenti universitari della community.