Spesso si arriva ad un punto nella vita in cui ci si dice: “Sono molto contento ed orgoglioso di aver fatto quella scelta quando avevo 25 anni! Mi sta ripagando ora!”, oppure si può arrivare a dire “Perché non l’ho fatto vent’anni fa?”.
Se non volete trovarvi nel secondo caso, ecco i guisti consigli da seguire:

1- Non abbiate paura di avvicinarvi ai Mentor
Se lavorate in azienda, non dovete “vergognarvi” di chiedere a colleghi più esperti di affiancarvi nella vostra crescita professionale, in quanto molto probabilmente sono stati anch’essi nella vostra stessa situazione anni prima, e saranno propensi a condividere con voi le loro esperienze. Le migliori persone a cui affiancarsi sono coloro che rivestono il ruolo che vorresti ricoprire tu tra 10/15 anni, ripercorrendo lo stesso percorso di carriera da essi affrontato. Inoltre sono le persone che potrebbero rivelarsi più utili nel caso si prentasse un’opportunità in azienda in futuro.

2- Condividete le vostre competenze
Fuori dall’ufficio, l’esperienza accumulata vi potrà essere utile se sarà vostra abitudine trasmettere agli altri le vostre passioni e le vostre conoscenze legate al vostro ambito lavorativo. Grazie in particolare ai social media, avete a disposizione tanti strumenti attraverso cui condividere nuove esperienze lavorative e conoscenze apprese, man mano, nel vostro percorso di carriera. Essere conosciuti tra le persone come qualcuno che sa far bene il proprio lavoro ed ama farlo, vi potrebbe permettere di essere i primi a cui rivolgersi in futuro in caso di importanti opportunità inerenti il vostro settore di competenza.

3- Fate sacrifici e correte rischi
A 20 anni di solito non si hanno grosse responsabilità ed obblighi a cui adempiere, ad eccezione dell’affitto e delle bollette da pagare: è questa l’età giusta per fare le scelte più rischiose che vi potrebbero ripagare a vent’anni di distanza.
Questo non significa prendere decisioni affrettate senza considerarne le conseguenze, ma non aver paura di assumersi dei rischi, poiché a quest’età c’è sempre tempo per rimediare.

4- Cogliete le occasioni di apprendimento
Se lavorate per una società che vi paga corsi d’aggiornamento o certificazioni utili alla vostra crescita professionale, non perdete l’occasione di sfruttarla al meglio. Lo sviluppo continuo di nuove conoscenze è vitale per la crescita professionale. Se non siete sicuri di quale sia il percorso formativo migliore da seguire, guardate qualche annuncio di lavoro ed osservate quali sono i requisiti e le skill maggiormente richiesti, così saprete come potenziare il vostro bagaglio professionale.

5- Mantenete i contatti con i vostri conoscenti
Un aspetto molto importante da tenere in considerazione, specialmente all’età di vent’anni, è il network dei contatti che si hanno. Potrebbe sembrare banale, ma è di elevata rilevanza non perdere i contatti con i propri compagni di liceo ed università, in quanto si tratta di contatti che potrebbero rivelarsi utili e strategici anche a distanza di molti anni.