Si chiama Skillzone e punta a formare esperti nella progettazione di sistemi Industrial Internet of Things (Iiot), cioè l’Internet delle Cose per scopi industriali. Sperimentato per la prima volta nei mesi scorsi, il corso ripartirà strutturato dal prossimo ottobre. E’ il primo programma formativo di CISCO in Europa sull’Internet of things. le cadidature sono aperte.

Il Master MIDAS-Skillzonein partenza il prossimo 16 ottobre 2017, realizzato da Cisco Systems ed ELIS, con e la collaborazione del Campus Bio Medico, è pensato per formare un professionista «T-Shape» ovvero con una conoscenza di base end-to-end sull’IoT e una specializzazione approfondita sull’analisi dei dati o sulla security di sistemi IoT.

E’ stato pensato guardando al futuro: entro il 2020, infatti, ci saranno decine di miliardi di oggetti connessi a internet. Si stima che in Europa i ricavi derivanti dalla vendita dei dispositivi IoT si attesteranno sui 24 miliardi di dollari: un mercato enorme che, da un lato, richiede competenze altamente specialistiche, ma, dall’altro, offre grandi opportunità professionali a chi possiede le capacità di operarvi.

Il corso è strutturato in 3 parti :
♦Digital Artisan: è la fase che prevede l’introduzione al mondo IoT, studiando le connessioni di oggetti, dati e processi
♦IoT Data Analyst o IoT Security Specialist: è la fase che mira a fornire conoscenze specialistiche in uno dei due ambiti
♦Industrial Project: prevede un’applicazione pratica, su reali progetti di business, delle conoscenze acquisite durante il programma formativo.

Il costo standard del programma è di 6,000€ ma grazie ad alcune borse di studio messe a disposizione dalle imprese promotrici, il costo di partecipazione a MIDAS-Skillzone sarà di 3,000€ comprensivo di 4 mesi di formazione intensiva; 4 mesi di progetto aziendale; 1 Hackathon e 1 Contest di avvio progetto; kit personale di sviluppo su piattaforme IoT del valore di 500€. Inoltre è prevista una borsa di studio a copertura totale del costo per la candidata, donna, che abbia ottenuto il miglior punteggio in fase di selezione. Per ulteriori informazioni e candidature cliccare qui 

LE OPPORTUNITÀ PROFESSIONALI – Il Data Analyst è l’artigiano del futuro. Lavora all’interno di multinazionali, società di servizi, software-house, aziende, studi di consulenza, centri di ricerca o come libero professionista e si occupa dello sviluppo di soluzioni che rendono più semplice la vita delle persone. I settori di sbocco di questa figura sono molteplici: difesa e aerospazio, information technology, sanità, immobiliare (smart building, smart home), sicurezza, trasporti e settore pubblico.

La prima edizione Europea di SkillZone vede il coinvolgimento, nell’advisory board, di varie aziende: IBM, Ericsson, STMicroelectronics, Almaviva, BWAY, Telecom Italia, Eurotech, Indra Company, SIMAV, Microsoft, Enel, Mauden, BaxEnergy, Tecnorad e Poste Italiane.

(fonte originale EconomyUp)